Mário Macilau, un fotografo africano alla Biennale di Venezia

di Alessio Santiago Policarpo

 

 

Nel mare magnum della 56esima edizione della Biennale di Venezia svoltasi nel 2015, tra assurdità e idee ritrite, un artista in particolare, a mio avviso, ha spiccato con le sue intense fotografie in bianco e nero: immagini realistiche, di miseria e di umiltà, ma osservate con delicatezza e intrise di un profondo tono poetico.

13446262_535231183345993_657275028_oMário Macilau è nato nel 1984 a Maputo, in Mozambico, dove vive e lavora attualmente. Durante la Guerra civile, scoppiata nel suo paese negli anni Ottanta, la sua famiglia, in gravi difficoltà, dovette trasferirsi nella capitale alla ricerca di una vita migliore. All’età di dieci anni Mario lavorava già in un supermercato e lavava le macchine, per poter mantenere così la sua famiglia.

L’artista mozambicano ha iniziato il suo percorso da fotografo nel 2003, e nel 2007 ha avuto la sua prima macchina fotografica, che ottenne barattandolo con il cellulare di sua madre. Macilau si è dedicato a progetti incentrati sulle condizioni ambientali di vita in cui vivono i gruppi sociali isolati della realtà africana. Il suo lavoro ha riscosso diversi riconoscimenti e premi, ed espone regolarmente in numerose mostre personali e collettive, sia in patria che all’estero: La mostra gruppo africano Pan durante la Biennale di Fotografia Africana a Bamako, Mali 2011; VI Chobi Mela Photo Festival a Dhaka, Bangladesh 2011; Photo Spring a Pechino, Cina 2011; Lagos Photo a Lagos, Nigeria, 2011; BESphoto al CCB – Centro Cultural de Belém a Lisbona, Portogallo 2011; Pinacoteca de Estado di San Paolo, Brasile, the KLM in  Kuala Lumpur,  Malasya 2012; The Johannesburg Art Fair 2013, Les Recontres Picha a Lubumbashi, RD Congo, 2013; The Biennale Arts Actuels a Saint Dinis, Isola di Reunion 2013; The African Art Auction a Londra, UK,  2013, ecc.

 

 

13453127_534855460050232_612301005_o

 

13441834_534856313383480_1811476988_o

 

Macilau ha esposto una serie di foto presso il Padiglione della Santa Sede all’Arsenale di Venezia, che fanno parte della serie Crescere nell’oscurità (Crescendo na escuridão, 2012-2015). Le fotografie sono state esposte in una sala buia e disposte circolarmente: scelte allestitive che hanno creato un effetto alquanto coinvolgente.

13453508_534855573383554_194072287_o

 

 

13467612_534856320050146_1033110107_o

 

Sono immagini emozionanti, che parlano di povertà e di abbandono, ma non vi è rassegnazione o degrado gratuitamente spiat13461248_534855463383565_965689354_otellato. Mário Macilau indaga la realtà dei luoghi in cui è cresciuto e del suo popolo, con amore e con fine semplicità. L’artista coglie attraverso la fotografia la bellezza dei grandi e intensissimi occhi di ragazzi giovani, che nonostante siano circondati dalla miseria, sono mostrati in tutta la loro immensa forza e consapevolezza, come se fossero già degli adulti.

 

 

Copyright Mário Macilau courtesy Ed Cross Fine Arts

 

13453400_534855720050206_1752087048_o

 

http://www.mariomacilau.com/

 

13461250_534855276716917_1939466169_o

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...