Mimmo Jodice al MADRE di Napoli

di Rosaria Aversana 

 

 

È intitolata Attesa.1960-2016 la grande retrospettiva fotografica curata da Andrea Viliani che il Museo Madre di Napoli dedica a Mimmo Jodice, uno degli indiscussi maestri della fotografia contemporanea. Vi sono presentate oltre 100 opere, distribuite secondo un allestimento pensato specificatamente per le sale del museo, attraverso cui è possibile ripercorrere le prime sperimentazioni fotografiche degli anni Sessanta e Settanta fino alle nuove opere realizzate appositamente per la mostra.

Le più importanti tematiche approfondite da Jodice rivelano la circolarità del tempo che ciclicamente ritorna su se stesso, lasciando una traccia e una coordinata spazio-temporale che genera un momento, per alcuni un sentimento: l’attesa, nella quale ognuno tende a ritrovarsi. L’attesa è silenzio, meditazione, emozione, una disposizione affettiva che nasce dando per certo l’accadere di un evento futuro.

13607737_10208406944364926_612305146_n

13624828_10208407058407777_1530457088_nAl piano terra è esposta una carrellata di immagini, un film in bianco e nero: sono i lavori che testimoniano l’impegno sociale e civile degli anni Sessanta e Settanta. Scandite da una musica che genera un sussulto interiore, le immagini sono frame singoli che si susseguono uno dopo l’altro, mostrando tutta la loro potenza. Ecco l’espressionismo ruvido dei bambini napoletani, il culto come radice, le mani sporche e consumate dai lavori usuranti, le lotte politiche nelle piazze, il mare, scene di vita ordinaria che si ritrovano ancora oggi tra i vicoli di Napoli.

Al terzo piano sono trattati temi diversi, primo fra tutti il mondo antico. Gli atleti dell’età classica sono ripresi in una posa dinamica e sembrano davvero correre verso di noi. Un’operazione, questa, che Jodice ripete come a voler spogliare il soggetto della sua aura ‘archeologica’ per rivestirlo di un nuovo abito dal sapore contemporaneo. Per la prima volta risultano visibili le fonti di ispirazione della sua ricerca: una serie di opere di artisti celebri che hanno suggestionato e definito il linguaggio di Jodice e che è possibile vedere dialogare armonicamente. Le tessere feroci di Eden risentono della Natura morta con testa di caprone di Jusepe de Ribera (1645-1650) e la placidità della natura morta di bottiglie di Giorgio Morandi; le sue Città Visibili ricordano le silenziose piazze di Giorgio De Chirico (La Grande Torre, 1932 – 38) o gli scenari cittadini e da ‘fabbrica’ di Mario Sironi (Paesaggio urbano, 1920).

13599686_10208406937244748_72262548_n

13608191_10208407057407752_89415874_n

Quello che si nota percorrendo il lavoro di Jodice di sala in sala è l’assenza di ogni forma di improvvisazione: quasi tutte le sue opere partono da un’idea, da un progetto frutto di una riflessione precisa sul tempo, sullo spazio, sull’uomo. Le opere rivelano l’artista-Jodice, conoscitore della tecnica fotografica, sperimentatore del ‘moderno’ che avanza e che non gli fa paura. Protagonista assoluto è il bianco e nero. L’attesa del colore si fa sentire ma più si procede più non se ne sente la mancanza: le opere, in questo modo, conducono verso un mondo immaginifico dove il soggetto ripreso vive in assenza totale di tempo, una dimensione ideale di cui anche noi facciamo parte.

13599495_10208406937364751_956668053_n

Attraverso le fotografie di Jodice possiamo apprezzare l’idea di una visione che si è fermata per un momento e che è sospesa tra passato, presente e si rivolge al futuro. E’ un mondo nuovo, un realismo efferato che non conosce tempo e conduce all’emozione. Emozione fatta di attese.

13624631_10208407059567806_1871076393_n

 

Mimmo-Jodice-1

 

Sito ufficiale dell’artista:

www.mimmojodice.it

Sito riguardante la mostra:

www.madrenapoli.it/mostre/mimmo-jodice-attesa-1960-2016

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...