Arte a Nizza

di Alessio Santiago Policarpo

 

 

Gli eventi del 14 luglio 2016 sopraggiunti a Nizza hanno sconvolto il mondo: si sono verificati in un luogo meraviglioso dove molti artisti, soprattutto della modernità e del secolo scorso, hanno trovato rifugio e ispirazione. L’arte non è solo espressione di valori, di idee e di bellezza, ma è anche conforto e àncora di salvezza – questo ci deve esser chiaro, in particolare nell’epoca di orrore e violenza che stiamo vivendo.

In onore di questa città a cui sono molto legato, della Francia – che ha dato i natali a grandissimi artisti – e in memoria degli innocenti che hanno perso la vita, pubblico e vi offro alcune mie foto del 2012, 2014 e 2015 scattate in tre musei di Nizza: presso il MAMAC (Musée d’art moderne et d’art contemporain), il Musée des Beaux-Arts Cheret e il Musée National Marc Chagall. Malgrado l’impostazione del Blog sia orientata verso l’arte rimasta collegata alla tradizione, riteniamo che sia importante dar spazio anche a opere più avanguardiste e anti-naturalistiche, che risultano sempre di notevole impatto e interesse (un altro aspetto che il mio blog intende indagare è proprio la dialettica tra queste opposte correnti che hanno segnato il destino dell’arte del ‘900 e di oggi).

“L’arte scuote dall’anima la polvere accumulata nella vita di tutti i giorni”. (Pablo Picasso)

 

M.A.M.A.C. (Musée d’Art Moderne et d’Art Contemporain)

Qui sotto opere di Arman, Niki de Saint Phalle, Jean Tinguely, Yves Klein

 

Arman 1

 

Saint-Phalle 6

 

Tinguely 2

 

Klein 5

 

Musée Des-Beaux-Arts

Qui sotto opere di Raoul Dufy, Henri Lebasque, Kees Van Dongen, Adolf Gustav Mossa

 

Raoul Dufy

 

Henri Lebasque

Kees Van Dongen

 

 

 

Adolf Gustav Mossa

 

 

Musée National Marc Chagall

 

Il museo ospita un ampio ciclo dedicato all’Antico Testamento (qui vi mostriamo foto della Genesi e del Cantico dei Cantici). L’artista, di origini ebraiche, esprime con la sua pittura onirica, libera e anti-realista, un messaggio che unisce diverse concezioni dell’uomo e del divino, quella ebraica e quella cristiana, fuse e amalgamate in maniera commovente. Chagall reinterpreta una storia antica di millenni e la fa rivivere in un mondo totalmente alieno alla tradizione e al passato: non scivola nello scandalo o nel blasfemo, ma anzi infonde a quell’antico messaggio una nuova vita, secondo forme evocative, piene di mistero e vibranti. Egli non si chiude nella soggettività o nell’astruso come gli artisti dell’avanguardia, ma comunica al cuore umano secondo forme inedite e audaci, usando colori svincolati da linee precise e da riferimenti realisti, senza mai rinunciare però all’amore per la comunicazione, e al desiderio di trasmettere bellezza e un intenso contenuto.

 

IMG_5666

 

IMG_5673

 

IMG_5687

 

 

IMG_5693

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...